Condizioni commerciali dell’e-shop ZOOT.it

  1. Disposizioni introduttive

1.1.Le presenti condizioni commerciali (nel prosieguo “condizioni commerciali”) della società Digital People, a.s., con sede in Rozkošného 1058/3, Smíchov, 150 00 Praha 5, n.id.: 28197071, iscritta al Registro delle imprese presso il tribunale comunale di Praga, sezione B, ins. n. 12855 (nel prosieguo “venditore”), in conformità con il § 1751 comma 1 della legge n. 89/2012 Racc., Codice civile (nel prosieguo “Codice civile”), regolano i diritti e doveri delle parti contraenti sorgenti in relazione o sulla base del contratto di compravendita (nel prosieguo “contratto di compravendita”) stipulato tra il venditore e un’altra persona fisica (nel prosieguo “acquirente”) mediante l’e-shop del venditore. L’e-shop è gestito dal venditore sul sito web all’indirizzo ZOOT.it (nel prosieguo “sito web”), attraverso l’interfaccia del sito web (nel prosieguo “interfaccia web dell’e-shop”).

1.2. Le condizioni commerciali non si applicano ai casi in cui la persona che intende acquistare merce dal venditore è una persona giuridica oppure un soggetto che all’atto dell’ordinazione della merce agisce nell’ambito della propria attività imprenditoriale oppure nell’ambito dell’esercizio della propria professione autonoma.

1.3. Eventuali disposizioni divergenti dalle condizioni commerciali possono essere concordate nel contratto di compravendita. Le eventuali disposizioni differenti riportate nel contratto di compravendita avranno la precedenza rispetto condizioni commerciali.

1.4. Le condizioni commerciali come qui definite costituiscono parte integrante del contratto di compravendita. Il contratto di compravendita e le condizioni commerciali sono redatti in lingua italiana. Il contratto di compravendita va stipulato in lingua italiana.

1.5. Il testo delle condizioni commerciali può essere modificato o integrato dal venditore. In virtù di quanto suddetto però non vi sarà influenza alcuna sui rapporti e sulle condizioni sorte in base ai singoli contratti di compravendita stipulati al tempo dell’efficacia della precedente versione delle condizioni commerciali, valendo ciò anche per i diritti e doveri derivanti, inclusi diritti e doveri legati all’eventuale violazione dei detti contratti di compravendita.

  1. Conto utente

2.1. Sulla base della registrazione dell’acquirente (effettuata nell’e-shop), l’acquirente stesso può accedere al proprio interfaccia utente. Tramite il proprio interfaccia utente l’acquirente può effettuare l’ordinazione della merce (nel prosieguo “conto utente”). Tramite il proprio interfaccia utente l’acquirente può effettuare le ordinazioni della merce. In virtù della registrazione al conto utente l’acquirente esprime il proprio consenso alle presente condizioni commerciali. L’ordinazione della merce può essere effettuata dall’acquirente anche senza registrazione, direttamente nell’interfaccia web dell’e-shop.

2.2. All’atto della registrazione sul sito e all’atto dell’ordinazione della merce l’acquirente è tenuto a riportare tutti i dati in maniera corretta e veritiera. I dati riportati nell’account cliente dovranno essere obbligatoriamente modificati dall’acquirente in caso di qualsivoglia cambiamento futuro. I dati riportati dall’acquirente nel conto utente e in fase di ordinazione della merce sono considerati dal venditore come “dati esatti”.

2.3. L’accesso al conto utente è protetto da nome utente e password. L’acquirente è tenuto a rispettare la segretezza delle informazioni necessarie per l’accesso al proprio conto utente. Effettuando il login al conto utente l’acquirente esprime il proprio consenso alle presente condizioni commerciali.

2.4. L’acquirente non è autorizzato a consentire l’utilizzo del conto utente a terzi.

2.5. Il venditore può annullare il conto utente, specie qualora l’acquirente dovesse violare obblighi derivanti dal contratto di compravendita (comprese condizioni commerciali).

2.6. L’acquirente prende atto del fatto che l’account potrebbe non essere disponibile ininterrottamente, specie per via di manutenzione necessaria di hardware e software del venditore o anche manutenzione necessaria di hardware e software di accessori correlati di proprietà di terzi.

  1. Buoni regalo e codici di sconto

3.1. I buoni regalo e codici di sconto autorizzano l’acquirente ad ottenere sconti sul corrispettivo d’acquisto della merce (in caso di buono regalo anche sconti sui costi inerenti alla fornitura della merce), compresa imposta sul valore aggiunto. L’acquirente può applicare lo sconto nell’ambito della stipula dei singoli contratti di compravendita con il venditore, inserendo nell’ordinazione il codice riportato sul buono regalo acquisito o il codice sconto (vedi articolo 4.4 delle presenti condizioni commerciali). I buoni regalo e codici sconto sono elettronici (virtuali). Ciascuno di essi autorizza ad ottenere uno sconto per un determinato importo e ciascuno di essi può avere validità limitata nel tempo. Le ulteriori condizioni di applicazione dei buoni regalo e/o codici sconto possono essere adattate in base alle regole riportate sull’interfaccia web dell’e-shop.

3.2. Se il buono regalo e/o il codice sconto ha validità limitata, l’acquirente sarà autorizzato ad utilizzarlo solo ed esclusivamente prima della relativa scadenza.  Se il buono regalo e/o codice sconto non viene sfruttato prima della relativa scadenza, l’acquirente perde il diritto al suo utilizzo o comunque il diritto allo sconto sul corrispettivo d’acquisto della merce, senza alcun risarcimento (si escludono erogazioni dello sconto in contanti o altre compensazioni per il valore inutilizzato del buono regalo e/o codice sconto).

3.3. Il buono regalo e il codice sconto non possono essere (retroattivamente) scambiati con denaro.

3.4. Il buono regalo può essere applicato anche a più riprese fino al totale esaurimento dell’importo dello sconto. Il buono regalo può essere applicato anche su merce già scontata. Il buono regalo può essere applicato anche per il pagamento (di parte) dei costi inerenti alla fornitura della merce.
Il codice sconto può essere applicato una sola ed unica volta (una tantum). Il diritto allo sconto derivante dal codice sconto può essere applicato solo come sconto sul corrispettivo d’acquisto della merce – e non come sconto sui costi inerenti alla fornitura della merce. L’applicazione del codice sconto è condizionata dall’acquisto di merce secondo il corrispettivo d’acquisto per un determinato importo minimo.

3.5. Se il buono regalo o il codice sconto è applicato in contrasto con le condizioni di applicazione, il venditore avrà diritto a non accettarlo ed a recedere dal contratto di compravendita.

  1. Stipula del contratto di compravendita

4.1. Tutte le presentazioni della merce incluse nelle pagine dell’e-shop hanno mero carattere informativo. Il venditore non è obbligato a stipulare contratti di compravendita riguardo alla detta merce. La disposizione del § 1732 comma 2 del Codice civile non viene applicata. Tutti i dati relativi al contenuto dell’impegno riportati nell’interfaccia web del negozio hanno puro carattere informativo e il venditore non è obbligato a stipulare un contratto di compravendita in riferimento alla data merce, eccezion fatta per le situazioni in cui a conferire natura vincolante al contenuto dell’impegno siano disposizioni di legge cogenti in materia di tutela del consumatore, specie alla luce del § 1822 del Codice civile, e qualora l’esercente e il consumatore abbiano letteralmente negoziato la data questione in altra maniera.

4.2. L’interfaccia web dell’e-shop contiene informazioni sulla merce, compresa la specifica dei prezzi dei singoli articoli di merce. I prezzi della merce sono comprensivi di imposta sul valore aggiunto e qualsivoglia altra commissione applicabile. I prezzi della merce sono da considerarsi validi per tutto il tempo durante il quale essi sono riportati sull’interfaccia web dell’e-shop. La presente disposizione non limita la facoltà del venditore di stipulare un contratto di compravendita secondo condizioni concordate su base individuale.

4.3. Nelle pagine dell’e-shop sono pubblicate informazioni sui costi inerenti all’imballaggio e alla fornitura della merce. Le informazioni sui costi inerenti all’imballaggio e alla fornitura della merce (come riportate nelle interfaccia web hanno validità unicamente nell’ambito della consegna della merce all’interno del territorio italiano).

4.4. Ai fini dell’ordinazione della merce l’acquirente compilerà un modulo di ordinazione nell’interfaccia web dell’e-shop. Il modulo di ordinazione contiene informazioni soprattutto relativamente a:

    1. 4.4.1. ordinazione della merce, quantità, colore e taglia (l’acquirente “inserisce” la merce desiderata nel cestino della spesa dell’interfaccia web dell’e-shop),
    2. 4.4.2. dati relativi alla modalità desiderata di consegna della merce e modalità di pagamento,
    3. 4.4.3. informazioni sui costi inerenti alla fornitura della merce (nel prosieguo, tutto insieme, “ordine”).

4.5. Prima di inviare l’ordine al venditore l’acquirente ha la possibilità di controllare ed eventualmente modificare i dati inseriti, verificando e rettificando possibili errori sorti all’atto dell’inserimento dei dati nel modulo ordinazione. L’acquirente invia l’ordine al venditore facendo clic sul pulsante “Termina ordine” e spuntando la casella di conferma della presa visione ed adesione alle condizioni commerciali. I dati riportati nell’ordine sono considerati dal venditore come dati esatti. Il venditore provvederà prontamente a comunicare all’acquirente la ricezione dell’ordine (o della rettifica dell’ordine). Detta comunicazione sarà inviata all’indirizzo di posta elettronica dell’acquirente riportato nel conto utente o nell’ordine (nel prosieguo “indirizzo elettronico dell’acquirente”).

4.6. A seconda del carattere dell’ordine (quantità di merce, importo del corrispettivo d’acquisto, costi previsti per il trasporto) il venditore ha sempre diritto a richiedere all’acquirente precisazioni aggiuntive e/o ulteriore conferma dell’ordine (per iscritto o telefonicamente).

4.7. Il rapporto contrattuale tra venditore ed acquirente si viene a creare all’atto della notifica della ricezione dell’ordine (accettazione), inviata dal venditore all’acquirente a mezzo posta elettronica, all’indirizzo e-mail dell’acquirente.

4.8. L’acquirente concorda con l’utilizzo di mezzi di comunicazione a distanza all’atto della stipula del contratto di compravendita. I costi che vengono a sorgere per l’acquirente nell’ambito dell’impiego dei mezzi di comunicazione a distanza, in relazione alla stipula del contratto di compravendita (costi del collegamento ad internet, costi delle telefonate), saranno a carico esclusivo dell’acquirente.

  1. Prezzo della merce e condizioni di pagamento

5.1. Il prezzo della merce e gli eventuali costi inerenti alla fornitura della merce in base al contratto di compravendita possono essere pagati dall’acquirente nelle modalità seguenti:

    • in contanti, alla consegna, presso il luogo definito dall’acquirente all’atto dell’ordinazione;
    • a mezzo bonifico bancario;
    • mediante sistema di pagamento elettronico;
    • mediante carta di pagamento, tramite qualsiasi applicazione internet valida (portali pagamento) o tramite terminale pagamenti, oppure in contanti al corriere al momento della ricezione della merce.

5.2. Insieme al prezzo d’acquisto l’acquirente è tenuto a pagare al venditore anche i costi inerenti all’imballaggio e alla fornitura della merce secondo quanto concordato nel contratto. Salvo diversi espressi accordi, per prezzo d’acquisto si intendono anche i costi inerenti alla fornitura della merce.

5.3. Il venditore non richiede all’acquirente alcun pagamento anticipato o simili caparre. Quanto suddetto non pregiudica quanto previsto dalla disposizione dell’art. 5.6 delle condizioni commerciali in relazione all’obbligo di pagamento anticipato del corrispettivo d’acquisto della merce.

5.4. In caso di pagamento in contanti o modalità contrassegno, il corrispettivo d’acquisto viene versato al momento della consegna della merce. In caso di pagamento in modalità cashless il corrispettivo d’acquisto deve essere versato entro e non oltre 5 giorni lavorativi dalla stipula del contratto di compravendita. In caso contrario l’ordine sarà annullato.

5.5. In caso di pagamento in modalità cashless l’acquirente è tenuto a pagare il corrispettivo d’acquisto della merce specificando anche il simbolo variabile relativo al dato pagamento. In caso di pagamento cashless l’obbligo dell’acquirente di pagare il prezzo d’acquisto viene adempiuto nel momento stesso dell’accredito dell’importo sul conto del venditore.

5.6. Il venditore è tenuto a consegnare all’acquirente un documento fiscale – fattura in riferimento ai pagamenti effettuati sulla base del contratto di compravendita. Il venditore è soggetto passivo per quanto concerne l’imposta sul valore aggiunto. Il documento fiscale – fattura sarà rilasciato dal venditore all’acquirente dopo l’avvenuto pagamento della merce e sarà inviato in formato elettronico all’indirizzo di posta elettronica dell’acquirente.

5.7. Gli eventuali sconti sul prezzo della merce concessi dal venditore all’acquirente non sono cumulativi.

  1. Recesso dal contratto di compravendita – reso della merce

6.1. L’acquirente prende atto del fatto che, ai sensi del § 1837 del Codice civile, non è possibile recedere da contratti di fornitura di merce che è stata previamente adattata secondo requisiti specifici dell’acquirente oppure personalizzata per l’acquirente, da contratti di fornitura di merce soggetta a rapido deperimento o di merce che – dopo la fornitura – viene irreversibilmente mischiata con altra merce, da contratti di fornitura di merce imballata che il consumatore ha estratto dalla confezione e che non può essere igienicamente riposta in sede, o da contratti di fornitura di registrazioni audio o video o programmi informativi, se è stata intaccata la confezione originale. Per i prodotti cosmetici, integratori alimentari, profumi e prodotti per l’igiene è possibile restituire la merce solo se inclusa nella confezione originaria intatta e senza segni di previo utilizzo.

6.2. Al di fuori dunque dei casi riportati all’art. 6.1 o altri casi di impossibilità di recesso, l’acquirente – in conformità con il § 1829 comma 1 del Codice civile – potrà recedere dal contratto di compravendita senza addurre motivazioni entro e non oltre quattordici (14) giorni dal ritiro della merce, oppure entro la scadenza del periodo di proroga concesso dal venditore, ovvero entro trenta (30) giorni. Se oggetto del contratto di compravendita erano diverse tipologie di merce o fornitura di più parti di merce, il suddetto intervallo di tempo inizierà a decorrere a partire dal momento del ritiro dell’ultima fornitura di merce. La comunicazione di recesso dal contratto dovrà essere inviata al venditore entro la scadenza di cui alla frase precedente. Per recedere dal contratto di compravendita l’acquirente può utilizzare il modulo template riportato dal venditore in allegato alle condizioni commerciali. Tuttavia, non è indispensabile ricorrere a questo preciso modulo. Se l’acquirente (consumatore) recede dal contratto di compravendita mediante il modulo riportato, il venditore confermerà per iscritto in formato testo la ricezione dello stesso al consumatore. La comunicazione di recesso può essere inviata dall’acquirente anche a mezzo posta alla sede operativa del venditore (magazzino ZOOT U Sanitasu 2246, 251 01 Říčany – Czech Republic) o all’indirizzo di posta elettronica del venditore info@zoot.it.

6.3.In caso di recesso dal contratto di compravendita come da art. 6.2 delle condizioni commerciali il contratto di compravendita viene risolto in toto fin da principio. La merce deve essere rispedita al venditore entro trenta (30) giorni dalla data di recesso dal contratto all’indirizzo: (magazzino ZOOT U Sanitasu 2246, 251 01 Říčany – Czech Republic). Ai fini del rispetto del termine di scadenza di 30 giorni farà fede la data dell’invio della merce. In caso di recesso l’acquirente si farà carico dei costi direttamente legati alla restituzione della merce al venditore, anche nei casi in cui la merce non può essere riconsegnata a mezzo posta regolare per via delle sue dimensioni o natura. In tal caso l’acquirente si farà carico dei costi di restituzione diretti per il reso fino ad un importo massimo di 10 EUR.

6.4. In caso di recesso dal contratto come da art. 6.2 delle condizioni commerciali, il venditore restituirà le liquidità ricevute dall’acquirente entro quattordici (14) giorni dalla data di recesso dal contratto da parte dell’acquirente. La restituzione del denaro dovrà essere effettuata nella medesima modalità di pagamento utilizzata dall’acquirente all’atto del pagamento originario. Se il pagamento originario era stato effettuato in modalità cashless mediante carta di pagamento, l’acquirente concorda con il fatto che il venditore gli restituirà la data somma di denaro a mezzo bonifico bancario sul conto correlato alla data carta di pagamento. Il venditore può ricorrere al bonifico bancario per la restituzione del denaro anche in altri casi in cui l’acquirente dichiara di essere d’accordo (o ne viene fatta specifica richiesta, per esempio nel modulo di recesso) – senza che per l’acquirente vengano a sorgere ulteriori costi. Se l’acquirente recede dal contratto di compravendita, il venditore non sarà tenuto a restituire le liquidità all’acquirente prima che quest’ultimo non avrà provveduto a riconsegnare la merce al venditore oppure a dimostrare l’avvenuta spedizione della merce al venditore.

6.5. Se l’acquirente aveva scelto una modalità di consegna della merce che non era quella più economica proposta dal venditore, il venditore stesso – sulla scorta del contratto di compravendita – restituirà all’acquirente i costi tecnici di fornitura secondo l’importo corrispondente alla modalità di consegna più economica tra quelle proposte dal venditore (salvo ritiro diretto).

6.6. L’acquirente è da considerarsi responsabile solo in caso di riduzione del valore della merce in conseguenza di manipolazione diversa da quanto necessariamente consentito per prendere corretta visione della natura e delle proprietà della merce, comprese sue funzioni. L’eventuale applicazione del diritto al risarcimento danni da parte del venditore potrà essere unilateralmente compensata contro il diritto dell’acquirente alla restituzione del corrispettivo d’acquisto. Il venditore informerà altresì l’acquirente (consumatore), sempre per iscritto in formato testo, in merito all’eventuale restituzione (di parte) del corrispettivo d’acquisto all’acquirente (consumatore) e circa l’eventuale compensazione di detto importo e ulteriori circostanze in merito alla riduzione di valore della merce.

6.7. Se dopo la stipula del contratto di compravendita viene a sorgere una circostanza che non permette la fornitura della merce ordinata (per es. la merce è danneggiata, non è in magazzino, ecc.), il venditore sarà autorizzato a recedere dal contratto di compravendita. In questo caso il venditore restituirà all’acquirente il corrispettivo d’acquisto entro 14 giorni, in modalità cashless, sul conto bancario definito dall’acquirente.

6.8. Se insieme alla merce l’acquirente riceve anche un regalo, il contratto di donazione tra il venditore e l’acquirente conterrà una condizione di risoluzione secondo cui – in caso di eventuale recesso futuro dal contratto di compravendita – il contratto di donazione viene a perdere la propria efficacia e l’acquirente sarà tenuto a restituire non solo la merce acquistata ma anche il regalo ad essa correlato.

6.9. In caso di pagamento a mezzo carta il denaro sarà restituito sul conto associato alla carta.

  1. Trasporto e fornitura della merce

7.1. Se la modalità di trasporto viene contrattualmente concordata sulla scorta di un requisito particolare da parte dell’acquirente, l’acquirente stesso si farà carico di eventuali rischi ed eventuali costi aggiuntivi inerenti alla data modalità di trasporto.

7.2. Se in base al contratto di compravendita il venditore è tenuto a fornire la merce presso un luogo appositamente definito dall’acquirente, l’acquirente stesso sarà obbligato a ritirare la merce all’atto della consegna.

7.3. Se per motivi causati dall’acquirente si rende necessario recapitare la merce una seconda volta oppure in modalità diversa rispetto a quanto riportato nell’ordine, l’acquirente stesso sarà obbligato a farsi carico dei costi inerenti alla ripetuta consegna o alla diversa modalità di consegna.

7.4. All’atto del ritiro della merce dalle mani del trasportatore l’acquirente è tenuto a controllare che la confezione sia intatta. In caso di qualsivoglia difetto, l’acquirente dovrà prontamente informare il venditore. In caso di rilevamento di danni alla confezione (che testimoniano di un avvenuto intervento non autorizzato sul collo di spedizione), l’acquirente può rifiutarsi di ritirare il pacco dalle mani del trasportatore.

7.5. È possibile che vi siano ulteriori diritti e obblighi delle parti inerenti al trasporto della merce che verranno ad essere disciplinati da eventuali condizioni di consegna eccezionali rilasciate dal venditore.

  1. Diritti derivanti da eventuali difetti della merce fornita

8.1. I diritti e i doveri delle parti contraenti in relazione alla cattiva esecuzione del contratto saranno disciplinati dalle disposizioni di legge generalmente applicabili (specie §§ da 1914 a 1925, §§ da 2099 a 2117 e §§ da 2161 a 2174 del Codice civile), e in particolare:

Se il cessionario rimprovera giustificatamente al cedente la presenza di vizi, il termine di tempo per far valere il diritto relativo alla cattiva esecuzione o la garanzia viene sospeso per tutto il periodo durante il quale il cessionario non è in grado di usare l’oggetto difettoso.

La persona avente diritto a quanto sopra riportato in relazione ai difetti, avrà diritto altresì al risarcimento dei costi appositamente sostenuti nell’ambito dell’esercizio di questo suo diritto. Se egli però non si avvale di detto diritto entro un mese dopo la scadenza del termine di denuncia del vizio, il tribunale non gli riconoscerà più il detto diritto qualora il cedente presenti obiezione e sostenga che il diritto al risarcimento non è stato esercitato in tempo debito.

L’acquirente informerà il venditore circa il tipo di diritto da egli scelto all’atto della comunicazione del vizio o prontamente dopo la comunicazione del vizio. L’acquirente non potrà poi modificare questa sua scelta senza il consenso del venditore; ciò però non vale nel caso in cui l’acquirente richieda la riparazione di un difetto che viene a risultare come irreparabile. Se il venditore non elimina il difetto entro l’adeguata scadenza oppure se egli comunica all’acquirente che non eliminerà il difetto, allora l’acquirente potrà chiedere – in luogo dell’eliminazione del difetto – un appropriato sconto sul corrispettivo d’acquisto o anche recedere dal contratto.

 

8.3. Le disposizioni riportate all’art. 8.2 delle condizioni commerciali non sono applicate in caso di merce venduta a prezzo ridotto in riferimento a: difetto per il quale è stata concordata una riduzione di prezzo; difetto causato dall’acquirente; usura causata da normale utilizzo; (per la merce usata) difetto corrispondente alla portata dell’impiego o usura che la merce già presentava all’atto della sua consegna e ritiro; o comunque in altri casi secondo la natura della merce.

8.4. Se il difetto compare nel corso di dodici mesi dalla consegna e ritiro, si considererà che la merce era già difettosa all’atto della consegna e ritiro. Dopo lo scadere di questo termine di 12 mesi, il cliente sarà tenuto a dimostrare le sue dichiarazioni secondo le quali il difetto esisteva già all’epoca della sua consegna e ritiro. L’acquirente è autorizzato ad esercitare il diritto al risarcimento in caso di difetti che si verificano sulla merce di consumo nel corso di ventiquattro mesi dalla consegna e ritiro. La garanzia e la responsabilità del venditore per eventuali difetti non saranno applicate agli eventuali oggetti omaggio offerti dal venditore all’acquirente.

8.5. I diritti al risarcimento possono essere esercitati dall’acquirente presso il venditore all’indirizzo della sede operativa di quest’ultimo: ZOOT U Sanitasu 2246 251 01 Říčany – Czech Republic. Per momento dell’applicazione del reclamo si intende il momento in cui il consumatore  – mediante sua azione unilaterale – esprime la propria volontà di far valere i propri diritti, ovvero il momento in cui egli rivela per la prima volta al venditore la difettosità della merce e le relative rivendicazioni a riguardo.

8.6. Ulteriori diritti ed obblighi delle parti inerenti alla responsabilità del venditore per i difetti possono essere disciplinati dall’apposito regolamento reclami del venditore.

 

 

 

  1. Ulteriori diritti e doveri delle parti contraenti

9.1. L’acquirente acquisisce il diritto di proprietà sulla merce nel momento in cui avrà pagato l’intero importo del corrispettivo d’acquisto.

9.2. Nella sua relazione con l’acquirente, il venditore non è vincolato da codici di comportamento ai sensi del § 1826 comma 1, lettera e) del Codice civile.

9.3. Le eventuali procedure stragiudiziali di evasione di reclami e lamentele del consumatore saranno disbrigate dal venditore mediante l’indirizzo di posta elettronica info@zoot.it. Il venditore provvederà ad inviare le informazioni relative all’evasione del reclamo all’indirizzo e-mail dell’acquirente.

9.4. Il venditore è autorizzato a vendere la merce sulla scorta della propria licenza per lo svolgimento di attività di libera professione. L’Ufficio del registro competente provvederà ad eseguire il controllo della validità dell’autorizzazione del venditore all’esercizio della professione. La supervisione in materia di protezione dei dati personali viene invece assicurata dall’Autorità per la protezione dei dati personali. Nei limiti di quanto previsto, oltre alle altre mansioni, l’Ispettorato del commercio della Repubblica Ceca esegue anche attività di monitoraggio in relazione all’osservanza della legge n. 634/1992 Racc. sulla tutela del consumatore e successivi emendamenti.

9.5. Con il presente atto, l’acquirente si assume la responsabilità per i rischi di mutazione delle circostanze come descritto al § 1765 comma 2 del Codice civile e non è autorizzato a richiedere il rinvio delle negoziazioni circa il contratto di compravendita.

  1. Protezione dei dati personali

10.1. La protezione dei dati personali dell’acquirente – persona fisica – viene assicurata in conformità con il Regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio (UE) 2016/679 del 27 aprile 2016 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati e che abroga la direttiva 95/46/CE (regolamento generale sulla protezione dei dati – GDPR).

10.2. L’acquirente prende atto del fatto che il venditore – (i) a motivo dell’adempimento del contratto di compravendita stipulato con l’acquirente (all’occorrenza anche in relazione alle trattative sulla sua stessa stipula e/o modifica) e/o (ii) ai fini della gestione del conto utente sulla scorta di un accordo con l’acquirente – provvederà a trattare i seguenti dati personali dell’acquirente: nome e cognome, indirizzo di residenza, numero identificativo, codice fiscale, indirizzo di posta elettronica, numero di telefono, eventuali ulteriori informazioni aggiuntive come per es. indirizzo di consegna, numero civico, piano appartamento. I dati personali riportati saranno trattati dal venditore in qualità di titolare del trattamento e dai soggetti addetti al trasporto della merce in qualità di  responsabili del trattamento. I dati personali saranno trattati soprattutto mediante raccolta di dati, salvataggio su supporti informatici, adattamento o modifica, ricerca, utilizzo, trasmissione a trasportatori o ad eventuali altre parti terze (con il consenso dell’acquirente), conservazione, selezione o combinazione, bloccaggio e liquidazione. I dati personali saranno trattati per tutto il periodo di realizzazione del contratto di compravendita e anche dopo il suo adempimento fino al momento della scadenza delle tempistiche di prescrizione previste (in genere tre anni a partire dall’esecuzione del contratto di compravendita), o eventualmente per tutto il periodo di gestione del conto utente dell’acquirente (ovvero fino a quando l’acquirente non lo annulla).

10.3. I principi di protezione nell’ambito del trattamento dei dati personali sono riportati qui

10.4. L’acquirente prende atto del fatto che egli è tenuto a riportare i propri dati in maniera corretta e veritiera (all’atto della registrazione, sul proprio conto utente e in fase di ordinazione tramite l’interfaccia web dell’e-shop). L’acquirente è altresì consapevole del proprio obbligo di informare prontamente il venditore circa eventuali modifiche dei propri dati personali.

10.5. Il venditore può incaricare una persona terza del trattamento dei dati personali dell’acquirente. Detta persona terza è da considerarsi responsabile del trattamento. A parte i soggetti addetti al trasporto della merce, il venditore non trasmetterà i dati personali ad alcun altro soggetto terzo senza che l’acquirente non avrà previamente concesso il proprio consenso.

10.6. I dati personali saranno trattati in formato elettronico in modalità automatizzata oppure in formato cartaceo in modalità non automatizzata.

10.7. L’acquirente dichiara che i dati personali da lui forniti sono precisi. L’acquirente dichiara di essere stato informato che la concessione dei dati personali è un atto spontaneo e volontario.

10.8. In fase di creazione del proprio ordine, l’acquirente può anche esprimere il proprio consenso al trattamento dei dati personali da parte del venditore per fini di marketing – specie nell’ambito della trasmissione di informazioni commerciali ed altre promozioni di marketing organizzate dal venditore. Il consenso riguarderà i dati personali come qui di seguito specificati: nome e cognome, indirizzo di posta elettronica, numero di telefono. I dati personali dell’acquirente per finalità di marketing saranno trattati fino al momento della revoca del consenso dell’acquirente – e comunque al massimo per cinque anni, a meno che il consenso non venga nel frattempo ripristinato. I dati personali saranno trattati soprattutto mediante raccolta di dati, salvataggio su supporti informatici, autorizzazione all’accesso, adattamento o modifica, ricerca, utilizzo, trasmissione (con il consenso dell’acquirente), conservazione, selezione o combinazione, bloccaggio e liquidazione.

Il consenso al trattamento dei dati personali per finalità di marketing non è da considerarsi come una condizione che in sé e per sé possa rendere impossibile la stipula del contratto di compravendita..

10.9. Il venditore avvisa l’acquirente che i dati degli acquirenti possono essere iscritti nell’apposito registro creato ai sensi del § 20z della legge n. 634/1992 Racc. sulla tutela del consumatore, nella sua versione applicabile (nel prosieguo “legge sulla tutela del consumatore”).

  1. Invio di comunicazioni commerciali e salvataggio dei cookie

11.1. L’acquirente prende atto del fatto che il venditore potrà inviare al suo indirizzo di posta elettronica eventuali informazioni relative alla merce, servizi o impianto del venditore, sotto forma di comunicazioni commerciali. L’invio di comunicazioni commerciali potrà essere interrotto dall’acquirente in qualsiasi momento nel suo conto utente oppure mediante il collegamento riportato in calce a tutte le comunicazioni commerciali.

L’acquirente prende atto del fatto che il venditore utilizza dei file cookie nelle sue pagine web. Il trattamento e l’utilizzo dei cookie è disciplinato da principi e regole a parte, che sono specificati qui.

 

  1. Notifiche

12.1. Le notifiche possono essere inviate all’acquirente sul suo indirizzo di posta elettronica.

  1. Risoluzione stragiudiziale delle controversie

13.1. Con la presente il venditore informa l’acquirente che – ai sensi della legge sulla tutela del consumatore – l’acquirente ha diritto ad intraprendere la via di eventuali risoluzioni stragiudiziali delle controversie eventualmente derivanti dal contratto di compravendita stipulato con il venditore. Presupposto dell’applicazione del diritto dell’acquirente alla risoluzione stragiudiziale è il previo insuccesso in ambito di trattative dirette con il venditore. 

13.2. Se l’acquirente intende esercitare il proprio diritto alla risoluzione stragiudiziale delle controversie ai sensi dell’articolo 13.1 delle condizioni commerciali, egli potrà presentare ricorso per avvio di procedura stragiudiziale per la risoluzione della lite rivolgendosi all’Ispettorato commerciale della Repubblica Ceca. Ai sensi della legge sulla tutela del consumatore, la suddetta istituzione figura come soggetto competente per la risoluzione stragiudiziale delle controversie in casi di contratti di compravendita stipulati tra un venditore ed un acquirente. Per ulteriori informazioni si rimanda alle pagine internet dell’Ispettorato commerciale della Repubblica Ceca all’indirizzo URL http://www.coi.cz/.

13.3. Il ricorso per avvio di procedura stragiudiziale per la risoluzione della lite potrà essere presentato dall’acquirente per iscritto oppure oralmente (con protocollo) o ancora in formato elettronico tramite il modulo online riportato sulle pagine internet dell’Ispettorato commerciale della Repubblica Ceca (all’indirizzo URL  https://adr.coi.cz/cs). In quest’ultimo caso il modulo online dovrà essere sottoscritto con firma elettronica riconosciuta oppure inviato mediante la casella dati dell’acquirente agente come ricorrente. A condizione che ci si impegni a confermarlo nel giro di 10 giorni o eventualmente ad integrarlo secondo una delle modalità di cui alla frase prima, il ricorso può anche essere presentato mediante altri strumenti tecnici, per es. telefax o reti dati pubbliche senza firma elettronica riconosciuta. Al ricorso va allegato un documento attestante il fatto che l’acquirente non è riuscito a risolvere la controversia direttamente con il venditore ed anche eventuali altri documenti a conferma della veridicità delle dichiarazioni dell’acquirente (se disponibili).

  1. Disposizioni conclusive

14.1. Se il rapporto basato sul contratto di compravendita dovesse contenere elementi internazionali (esteri), le parti concordano che la loro reciproca relazione sarà disciplinata dall’ordinamento giuridico della Repubblica Ceca. Quanto suddetto non va ad influire sui diritti del consumatore derivanti dalle prescrizioni giuridiche generalmente applicabili.

14.2. Se una o più disposizioni delle condizioni commerciali dovessero essere o diventare nulle o inapplicabili, in luogo di esse si introdurranno delle disposizioni che in termini contenutistici e di finalità si avvicinino il più possibile a quelle ormai non valide o inapplicabili. L’eventuale nullità o inapplicabilità di una disposizione non va a pregiudicare la validità delle altre disposizioni.

14.3. Il contratto di compravendita (comprese le condizioni commerciali) è archiviato dal venditore in formato elettronico e non è accessibile.

14.4. In allegato alle condizioni commerciali si riporta  il modulo template per il recesso dal contratto di compravendita.

14.5. Dati di contatto del venditore: indirizzo per la corrispondenza – ZOOT , U Sanitasu 2246, 251 01 Říčany – Czech Republic; indirizzo di posta elettronica info@zoot.itit; telefono +420 222 701 480.

 

Praga, lì 1.3.2023

 

Su